GIANNI SCHICCHI di G. Puccini, ritorna l’opera made in Carrara

Progetto per la messa in scena di uno spettacolo lirico

in collaborazione con ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI CARRARA, AMICI DELLA LIRICA “A. MERCURIALI” DI CARRARA e ASSOCIAZIONE CULTURALE STORMART

in occasione dei 250 anni dalla fondazione dell’Accademia.

Per le celebrazioni dei 250 anni dalla fondazione dell’Accademia di Belle Arti di Carrara, l’Associazione Culturale StormArtin collaborazione con il Circolo Carrarese Amici della Lirica “A. Mercuriali”, propone la realizzazione dell’opera Gianni Schicchidi G. Puccini, in sinergia con l’Accademia di Belle Arti di Carrara, avendo lo scopo di arricchirsi artisticamente tramite quella bellezza che solo l’opera lirica, patrimonio culturale della nostra tradizione italiana, riesce a trasmettere nelle sue dinamiche di musica, parola, azione e arte visiva. Coinvolgere le scuole d’arte nella realizzazione di un’opera è un proposito di grande valore artistico e creativo, che offre altresì l’opportunità di formare ed inserire i giovani studenti in un ambiente lavorativo dove la richiesta di Scenografi, light designers, decoratori e scultori è molto alta, in una visione del teatro musicale quale naturale ambiente alla espressione evocativa e poetica.

Si propone l’opera Gianni Schicchi per il richiamo e il legame territoriale con la regione Toscana dati dalla vicenda del libretto di Giovacchino Forzano (figura legata a Carrara per li direzione del Giornale Apuano dal 1907 al1913), contestualizzato storicamente, basato su una vicenda ispirata a La Divina Commedia del pur toscanissimo Dantee dal suo grandissimo compositore Giacomo Puccini. L’opera rappresenta una ottima scelta anche per la grande modernità degli argomenti trattati, per la funzionale teatralità che offre molteplici possibilità di semplice realizzazione, per la sua breve durata (con possibilità di replicarla più volte), per il suo adattarsi ad una compagnia di cantanti giovani, infine per la possibilità di realizzare una scena adattabile a qualsiasi spazio.

L’idea è quella di realizzare un allestimento adattabile a qualsiasi luogo, in modo da poter replicare l’opera in qualsiasi contesto, nel solco della tradizione dell’opera itinerante

 

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI CARRARA

  • lezioni di preparazione all’opera tenute da Marco Gandinie Daniele Piscopo, rivolte agli studenti di tutti gli indirizzi, che prevederanno una prima parte di studio dell’opera/progettazione e una seconda di realizzazione.

Il progetto prevede l’interazione di tutte le scuole dell’accademia:

Pittura, Scultura, Grafica, Decorazione e Scenografia per la creazione delle scenografie/costumi.

Media per l’aspetto promozionale dell’evento, attraverso la progettazione e realizzazione di video, locandine, foto e materiale promozionale.

Piano di lavoro:

Da attuare nell’arco di 2/3 mesi, secondo le seguenti fasi:

  1. Incontri con gli studenti in Accademia di una giornata circa per due volte al mese per la preparazione e studio dell’opera Gianni Schicchi:

I incontro: studio della drammaturgia dell’opera (25 febbraio)

II incontro: individuazione del concept generale dell’allestimento (4 marzo)

III incontro: analisi della documentazione iconografica di riferimento (13 marzo)

IV incontro: visone e discussione sui progetti (1 aprile)

V incontro: visione della prima bozza di realizzazione (29 aprile)

2. Maggio 2019 realizzazione della scenografia

Il progetto prevede il coinvolgimento di personalità di alto profilo artistico come il regista Marco Gandiniche curerà la produzione, seguendo gli studenti dell’Accademia nella realizzazione delle scene e dei costumi dal punto di vista della regia, guidando quindi i ragazzi nello studio e approfondimento della drammaturgia scenica e musicale dell’opera per la progettazione dello spazio scenico, e in secondo luogo come docente del master dedicato a giovani cantanti selezionati tramite apposite audizioni o per chiamata diretta, in preparazione alla messa in scena dell’opera, affiancato dal baritono Sergio Bolognaper quanto riguarda gli aspetti di tecnica vocale.

 

AMICI DELLA LIRICA A. MERCURIALI di CARRARA

Per l’aspetto prettamente musicale, di formazione e preparazione dell’opera, il progetto prevede:

  1. Una settimana di Master con i cantanti selezionati suddivisa in due parti:

Mattina – TECNICA dell’ESPRESSIONE a cura di Marco Gandini

Pomeriggio – TECNICA VOCALE a cura diSergio Bologna

2. Una settimana di prove per la messa in scena a cura di Daniele Piscopo

Periodo:

Master e regia dal 24 maggio al 6 giugno 2019

Recite 7, 8 e 9 giugno 2019

Nel mese di marzo verrà pubblicato on line un bando a firma StormArt, Amici della lirica di Carrara e Accademia di Belle Arti di Carrara, per la ricerca dei cantanti da inserire nel cast.

Tutti i ruoli dell’opera verranno affidati dopo regolare audizione, che si terrà nel mese di aprile, oppure tramite chiamata diretta.

L’iscrizione alle audizioni è gratuita.

I ruoli a concorso sono:

Lauretta, (soprano), Zitadetta “La Vecchia” cugina di Buoso (contralto),Rinuccio nipote di Zita (tenore), Gherardo nipote di Buoso (tenore) , Nella sua moglie (soprano), Gherardinoloro figlio (soprano), Betto Di Signa cognato di Buoso povero e malvestito, (basso o baritono), Simonecugino di Buoso (basso), Marco suo figlio (baritono), La Ciesca moglie di Marco (mezzosoprano), Maestro Spinelloccio(basso), Messer Amantio Di Nicolao notaro (baritono), Pinellino calzolaio (basso), Gucciotintore (basso)

Gianni Schicchi, sarà interpretato dal baritono Sergio Bologna

Il master per i cantanti è totalmente gratuito. Vitto e alloggio verrà offerto dagli Amici della Lirica di Carrara per tutto il periodo.

per info: associazionestormart@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *