Omaggio a William Shakespeare

A Carrara rivive il mito di Shakespeare per un appuntamento d’eccezione

In occasione dei 400 anni dalla scomparsa del grande drammaturgo venerdì prossimo quattro cantanti guidati dal maestro Pietro Mariani eseguiranno alcune delle arie più famose

CARRARA. Un concerto in occasione dei 400 anni della scomparsa di William Shakespeare. A promuoverlo è il Comune di Carrara in collaborazione con il Circolo Carrarese Amici della Lirica “A. Mercuriali” per venerdì prossimo, 5 agosto, alle 21 nel giardino di Palazzo Cucchiari, sede della Fondazione Giorgio Conti.

“Omaggio a Shakespeare” è un omaggio al melodramma da lui ispirato: amore, follia, lussuria, gelosia, innocenza.

Nessun altro drammaturgo come William Shakespeare ha ispirato così tanti musicisti e librettisti d’opera, coreografi, a partire dal ‘600 fino ai giorni nostri.?Gli studiosi calcolano che addirittura sarebbero migliaia le composizioni musicali direttamente ispirate, o in qualche modo collegate, alle opere di Shakespeare. In particolare poi, dal ‘700, è stata l’opera lirica a impadronirsi dei capolavori shakespeariani, con decine di opere che via via sono state tratte dai drammi e dalle commedie più celebri del grande autore, opere che si rivelarono presto particolarmente adatte ad essere trasposte anche sul palcoscenico della lirica.

Così, scorrendo l’elenco delle opere musicali e liriche tratte dai lavori shakespeariani, ci si imbatte, ad esempio, in 25 diverse versioni di “Romeo e Giulietta”, 39 versioni del “Sogno di una notte di mezza estate”, 32 di “Amleto”, 15 di “Re Lear”, 16 di “Macbeth”, e così via, in un lungo e davvero sorprendente elenco.

Certamente, alcune di esse, ad esempio le opere di Giuseppe Verdi, sono presto divenute famosissime e vengono tuttora molto rappresentate in tutto il mondo, basti pensare, a titolo di esempio, al “Falstaff” da “Le allegre comari di Windsor”, all'”Otello”, o al “Macbeth”.

Non tralasciamo però di ricordare “The Fairy Queen” di Purcell da “Sogno di una notte di mezza estate”, che fu la prima trasposizione di un’opera di Shakespeare in musica,”Hamlet” di A. Thomas, “I Capuleti e i Montecchi” di Bellini liberamente tratto da “Giulietta e Romeo”, il capolavoro che ha ispirato anche Gounod e Zandonai, “Otello” di Rossini, che ha preceduto la versione verdiana e infine “Liebesverbot”, il “Divieto di amare” di Wagner, tratto dalla commedia “Misura per misura”.

Protagonisti della serata saranno quattro cantanti accompagnati al pianoforte dal maestro Pietro Mariani: il baritono Giuseppe Altomare; il soprano Valentina Boi, il soprano Bianca Tognocchi e il tenore genovese Alessandro Fantoni. Loro i professionisti e talenti che ci accompagneranno nell’universo del drammaturgo epr eccellenza. Il programma prevede arie tratte da “Hamlet” di A. Thomas, “Romeo et Juliette” di Gounod, “I Capuleti e i Montecchi” di V. Bellini, “Otello”, “Macbeth” e “Falstaff” di Verdi. L’ingresso è libero

IL TIRRENO

omaggio a William Shakespeare 5/8/2016

Posted by Circolo Carrarese amici della lirica "A.Mercuriali" on Dienstag, 9. August 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *